UST Challenge

UST CHALLENGE

 

A inizio 2017 una decina di impavidi mi hanno sfidato nella cucina di casa loro, scegliendo un piatto e chiamando in adunata amici e parenti in veste di giurati per decidere quale performance fosse la migliore. Nessun vantaggio per l’Uomo Senza Tonno, neanche una prova del piatto il giorno prima.

É il momento di rifarvi sotto, cari Follouà Coraggiosi, tornano le UST Challenge. E come sempre, rispondo alle domande del Richiedente Informazioni Ideale.

Ok, caro UST, come funziona tutta sta faccenda?

Scegli un piatto, uno che sai fare o a cui sei particolarmente legato, e mi lanci la pinna di sfida.

Interessante, potrei spaccarti il culo, sai? E dove le facciamo ste sfide?

Fai meno lo spiritoso, ciccino, l’UST ha 14 vite, 7 più dei micetti che condividi su Instagram. Dove le facciamo? A casa tua, nella tua cucina o in un altro posto che abbia una cucina abbastanza spaziosa per me e per te che ci scorniamo in contemporanea. Il posto lo scegli tu.

Posso sfidarti in tandem con qualcuno?

Ok, UST da solo contro tutti, ma non esagerare. Massimo un’altra persona.

E con quanti piatti ti posso sfidare?

Uno e uno solo, non di più. E solo salato, niente dolci.

Che pippa che sei, oh. Ok, solo salato. Ma, scusa, chi stabilisce chi vince o chi perde?

La giuria che sceglierai tu, meglio se in numero dispari così evitiamo i pareggi. Qui non si fanno prigionieri.

Bene, molto bene, mi sfrego le mani. Quindi io scelgo un piatto e quando devo comunicartelo?

Non prima di 3 giorni dalla data della sfida, così non avrò molto tempo per fare delle prove. Probabilmente la sera della sfida sarà perfino la prima volta che eseguirò il piatto.

Vabbè, ma così è troppo facile scotennarti.

Troppo facile? Benissimo, allora se ti senti tanto Scièf, puoi lasciar decidere a me il piatto sfida con le stesse modalità che ti ho già spiegato. Ma il procedimento non te lo rivelo mica, intuiscilo da solo. Che dici?

Possiamo provare. E ci sono dei costi?

Certo, questo è il mio lavoro, mica faccio beneficienza, hermano. C’è un fisso per la sfida più il rimborso della spesa, che ti rendiconto. Per le trasferte fuori Milano, va aggiunto anche il viaggio e l’eventuale alloggio, qualora dovessi fermarmi una notte e non ci fosse nessuno disposto a ospitarmi. Mi muovo in tutta Italia, anche all’estero, volendo.

Ho capito. E quindi come ti contatto?

Mi invii un’email a chiedimi@uomosenzatonno.com o un messaggio privato sui miei canili social, decidiamo una data (solo da lunedì a venerdì, no sabato e domenica) e il piatto sfida. Inizia a farti il segno della croce, scricciolo.

Stay tuna

Scopri gli altri miei servizi, il Ristorante Itinerante di Scièf a Domicilio e le mie lezioni a casa tua di Squola Tonnata e Un Giorno Da Scièf.