Crema di asparagi alla liquirizia, burrata d'Andria, crudo di Parma dolce appena scottato

Crema di asparagi alla liquirizia, burrata d’Andria, crudo di Parma dolce appena scottato

Questo post è offerto da Moulinex

Cari amici, care amiche, individui vicini e lontani e prossimi, sia fisicamente che di parentela, questa che state per leggere è l’ultima ricetta che realizzo per onorare la mia collaborazione con Moulinex, che mi ha gentilmente donato due dei suoi elettrodomestici di punta da usare in cucina e che possono essere usati anche da uno Scièf come me senza provare alcuna vergogna. Tiè.

Senza dilungarmi troppo diluendo la vostra attenzione, passo al(l’uovo) sodo, al nocciolo della questione, al nucleo tematico di questa vicenda fornellesca.

La narrazione di come feci la Crema di asparagi alla liquirizia, burrata d’Andria, crudo di Parma dolce appena scottato grazie all’ausilio di UltraBlend di Moulonex, il frullatore superbomba che frulla, trita, riscalda e fa un sacco d’altre cose che dovreste scoprire acquistandone uno.

Crema di asparagi alla liquirizia, burrata d'Andria, crudo di Parma dolce appena scottato

Prima di passare all’azione, mi soffermo sulla lista degli ingredienti per 4 bambini cresciuti (per inciso, in giro c’è chi scrive “l’ingredientistica”: prima o poi rompo le dita a qualcuno)

Per la crema di asparagi

– 600 g di asparagi verdi
– un litro di brodo vegetale
– uno scalogno
– 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
– polvere di liquirizia

Per il resto
– mozzarella di bufala campana
– 200 g di prosciutto crudo dolce di Parma
– sale

La preparazione è più facile di quel che sembra.

Come vi dissi diverse volte, quando fate il brodo vegetale, congelatene una parte da avere pronta all’uso così non dovrete ogni volta rifarlo e mi risparmiate, a ogni post, di dover riscrivere il procedimento. Sedano, carota, cipolla, foglia di alloro, tutto a freddo, coprire a filo con l’acqua, portare a ebollizione, far sobbollire per 25-30 minuti, a fiamma spenta, lasciando in infusione, se volete, potete aggiungere prezzemolo, qualche scorza di limone. Salate e filtrate.

Ora passo all’azione io.

Acchiappo gli asparagi, elimino la parte bassa più cortecciosa dello stelo, li affetto, comprese le punte, così belline e scenografiche machicazzosenefrega, e le rosolo in padella con un fondo d’olio extravergine d’oliva e dello scalogno. Aggiungo il brodo vegetale caldo a mestolini, adagio adagio, senza eccedere altrimenti gli asparagi mi si sbudellano e non va bene. Durante la cottura controllo l’andamento della sapidità aggiungendo pizzichi di sale.

Quando siamo belli pronti e profumati, posso attaccare UltraBlend alla presa, versare gli asparagi molto morbidi nel bicchierone, aggiungere un po’ di brodo caldo, selezionare il programma Hot Soup, velocità lame 8 per un minuto e: frlfrlfrlfrlfrlfrlfrlfrlfrlfrl. Parte una di quelle frullate bestiali che mi evitano di passare la crema al colino cinese tanto è fine e senza impurità.

Peffietto.

Non mi resta che completare l’opera. Il crudo di Parma me lo sono fatto affettare sottile ma non troppo e quando lo azzicco sulla superficie della padella caldissima, lo scotto solo da un lato e per pochi istanti, non deve diventare croccante, non deve sudare – perché se suda vuol dire che perde acqua e quindi diventa troppo salato. Insomma, deve scottarsi, eccheccazzo!

Una volta pronto il crudo, non ho nient’altro da fare che preparare la presendaziòh: in un piatto fondo verso due mestoli di crema di asparagi tenuta in caldo a bagnomaria, spolvero con un po’ di liquirizia in polvere, metto alcuni pezzi di mozzarella di bufala staccati con le mani e delle listarelle di crudo. Non ho altro da aggiungere, Vostro Onore.

 

  • Valentina Lorenzato

    Come racconti tu le ricette mi fa venire voglia di mettermi subito ai fornelli